Sabato, 18 Agosto 2018 13:46

Dolomiti di Tessa

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Gruppo Escursionistico del CRAL ASC propone, per soci e non,

Dolomiti di Tessa

Sabato 18 e Domenica 19 Agosto 2018

ESCURSIONE
Tempo complessivo: 15:00 ore
Dislivello complessivo: 2406 m
Partenza parcheggio CRAL: ore 4:00

Il nostro itinerario parte dai 1650 m di Plan in Alta Val Passiria. Seguendo il segnavia 6 ci incamminiamo lungo la Valle di Plan: dapprima in piano, poi più ripidamente nel bosco fino ai 1875 m della malga, dove il sentiero si ricongiunge alla strada sterrata che ci porterà oltre il limitare degli alberi.

Risaliamo ora la valle del Rio Valcanale fino ai 2400 me del Passo di Valgrande: ancora 180 m e avremo raggiunto i 2589 m della Forcella di Sopranes. Oltrepassati gli ometti di pietra che segnano il valico, intravvediamo i primi laghi, il Lago del Catino ed il Lago Lungo, far capolino nel verde dell’altopiano. Il sentiero 6 scende dapprima al Lago per poi proseguire fino allo splendido Lago Verde a 2342 m d’altitudine.

Si risale per una decina di minuti il sentiero 22 verso i Laghi di Latte: questo ulteriore piccolo sforzo è ampiamente ripagato dallo scenario del Lago Lungo, il più esteso dei laghi di Sopranes. Si prosegue fino a raggiungere i Laghi di Latte e con un breve e semplice tratto attrezzato si sale al Passo dei Laghi 2688 m ed al vicino Bivacco Lammer 2698 m. Seguendo i rocciosi pendii si sale al Passo di Lazins 2811 m sotto la Punta Rosa 3037 m, si scende lungo le serpentine fino al Lago di Tablà, attraversando poi in modo regolare le scarpate fino al rifugio Cima Fiammante 2259 m, posto sul fianco di estesi e ondulati pendii erbosi.

Dal rifugio si sale lungo la pietraia che, rapidamente, porta alla Johannesscharte 2854 m, uno stretto valico posto alla base della Cima Bianca Piccola 3059 m. Il sentiero, nella parte finale, è attrezzata con catene per agevolare la salita ed è consigliabile indossare il caschetto per evitare scariche di pietre frequenti se la via è percorsa da altri escursionisti: questo tratto attrezzato, a ridosso della parete, risulta più protetto. Anche la prima parte di discesa è attrezzata con catene, un ripido ghiaione che porta al grande anfiteatro glaciale del Passo Gelato 2895 m, disceso il quale si arriva al rifugio Petrarca all’Altissima 2875 m che sorge a ridosso dell’omonima vetta di 3479 m, una delle cime raggiungibili senza aver bisogno di particolari capacità alpinistiche.

Dal rifugio si scende a Plan lungo l’erto costone roccioso fatto di blocchi di marmo, granito e scisti che si fratturano in grandi blocchi, risultando essere lunghe scalinate. Si arriva alla Malga Lazins 1858 m e poi al Maso Lazins 1772 m ormai a fondovalle: occorrerà attraversare poi tutto il paese per giungere al parcheggio perché, come avevamo notato all’arrivo, Plan è un abitato che ha vietato il transito a tutte le auto non autorizzate.

Info: AROLDI ANDREA - 3298997559

Letto 398 volte Ultima modifica il Domenica, 23 Settembre 2018 19:17
Altro in questa categoria: « Dolomiti di Tessa Marmarole Runde »

In questo sito vengono utilizzati cookie tecnici e di terze parti per migliorare la vostra esperienza di navigazione.

Proseguendo nella navigazione ci consenti di utilzzare i cookie.

Approvo
© 2020 CralAsc. Tutti i diritti riservati. Realizzato da softriz.it